Guida definitiva al bitcoin: coso sono e a cosa servono, come investire in bitcoin
Guida definitiva al bitcoin: coso sono e a cosa servono, come investire in bitcoin

Bitcoin (BTC) è una valuta digitale, che viene utilizzata e distribuita elettronicamente. Bitcoin è una rete peer-to-peer decentralizzata.

Nessuna singola istituzione o persona lo controlla. I bitcoin possono essere creati solo 21 mln di bitcoin e il loro importo è molto limitato.

Il Bitcoin è stato introdotto per la prima volta come software open source da un programmatore anonimo, o un gruppo di programmatori, sotto lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto nel 2009.

Sono diversi i rumors sulla vera identità del creatore del BTC, molti ritengono che Nakamoto abbia 37 anni e viva in Giappone.

Si stima che Nakamoto possieda circa un milione di Bitcoin, che ammontavano a circa 3,6 miliardi di dollari a settembre 2017.

Il vantaggio principale del Bitcoin è la sua indipendenza rispetto alle decisioni dei governi, banche e società finanziarie.

Nessuna autorità può interferire nelle transazioni BTC, imporre commissioni di transazione o portare via il denaro delle persone.

Inoltre, il movimento Bitcoin è estremamente trasparente: ogni singola transazione viene archiviata in un enorme registro pubblico distribuito chiamato Blockchain.

In sostanza, il Bitcoin offre ai suoi utenti il ​​controllo totale sulle proprie finanze.

Bitcoin: come funziona?

Ogni utente ha la possibilità di controllare la quantità del Bitcoin sul proprio portafoglio e sui risultati delle transazioni.

La rete Bitcoin condivide un libro mastro pubblico chiamato “block chain“. Questo libro mastro contiene tutte le transazioni mai elaborate. I registri digitali delle transazioni sono combinati in “blocchi”.

Se qualcuno tenta di modificare solo una lettera o un numero in un blocco di transazioni, influirà anche su tutti i blocchi seguenti.

Essendo un libro mastro pubblico, l’errore o il tentativo di frode possono essere facilmente individuati e corretti da chiunque.

Il portafoglio dell’utente può verificare la validità di ogni transazione.

L’autenticità di ogni transazione è protetta da firme digitali corrispondenti agli indirizzi di invio.

A causa del processo di verifica e in base alla piattaforma di trading, potrebbero essere necessari alcuni minuti per completare una transazione BTC.

Il protocollo Bitcoin è progettato in modo tale che ogni blocco impieghi circa 10 minuti per essere estratto.

Bitcoin: le caratteristiche

Decentralizzazione

Uno dei principali obiettivi di Satoshi Nakamoto durante la creazione di Bitcoin era l’indipendenza della rete da qualsiasi autorità governativa.

Il Bitcoin è progettato in modo tale che ogni persona, azienda, così come ogni pc coinvolto nel mining e nella verifica delle transazioni, faccia parte di una vasta rete.

Anonimato

Oggigiorno le banche sanno praticamente tutto sui loro clienti: storia creditizia, indirizzi, numeri di telefono, abitudini di spesa e così via.

Il portafoglio Bitcoin non deve essere collegato a nessuna informazione di identificazione personale.

E se alcuni utenti semplicemente non vogliono che le proprie finanze siano monitorate da qualsiasi tipo di autorità, altri potrebbero sostenere che il commercio di droga, il terrorismo e altre attività illegali e pericolose prospereranno in questo relativo anonimato.

Trasparenza

L’anonimato del Bitcoin è solo relativo, poiché ogni singola transazione BTC viene memorizzata nella Blockchain.

In teoria, se l’indirizzo del portafoglio è stato usato pubblicamente, chiunque ha la possibilità di dire quanti soldi sono custoditi se si studia attentamente il libro mastro blockchain.

Tuttavia, tracciare un determinato indirizzo Bitcoin su una persona è ancora quasi impossibile.

Esistono alcuni tipi di portafogli che danno priorità alla sicurezza, ma la misura più semplice sarebbe quella di utilizzare più indirizzi e non trasferire ingenti somme di denaro su un singolo portafoglio.

Velocità

La rete Bitcoin elabora i pagamenti quasi istantaneamente, normalmente ci vogliono solo pochi minuti per ricevere denaro dall’altra parte del mondo, mentre i normali bonifici bancari possono richiedere diversi giorni.

Non ripudiabilità

Una volta che si invia i Bitcoin a qualcuno, non c’è modo di recuperarli, a meno che il destinatario non li rispedisca.

Ciò garantisce la ricezione di un pagamento, il che significa che chiunque con cui stai facendo trading online non può truffarti sostenendo di non aver mai ricevuto i soldi.

Cosa posso acquistare con il Bitcoin?

Nel 2009, quando il Bitcoin fu introdotto per la prima volta, non era molto chiaro come e dove si potesse spendere.

Ora è possibile comprare praticamente tutto. Ad esempio, colossi come Microsoft e Dell accettano pagamenti in BTC per una varietà di prodotti e contenuti digitali.

È possibile volare con compagnie aeree come AirBaltic e Air Lithuania, acquistare i biglietti per il teatro tramite il Theatre Ticket Direct del Regno Unito, acquistare alcune bottiglie di birra artigianale da Honest Brew e così via.

Altre opzioni includono il pagamento di hotel, la riscossione di fatture in vari bar e ristoranti, l’accesso a un sito di incontri, l’acquisto di una carta regalo, la scommessa in un casinò online e la donazione per una buona causa.

Il bitcoin è una forma di pagamento relativamente nuova e piuttosto complessa, quindi è naturale che le opzioni di spesa siano ancora limitate, ma ogni giorno sempre più aziende – dalle piccole caffetterie locali ai giganti del settore – accettano i pagamenti in BTC.

Inoltre, a causa del suo tasso di cambio costantemente fluttuante, il Bitcoin è diventata un’ottima opportunità di investimento.

Nonostante sia ancora una valuta altamente fluttuante, si è apprezzata vertiginosamente negli ultimi anni, raggiungendo la quotazione di 8.800 dollari.

Come ottenere Bitcoin?

Il modo più semplice per ottenere Bitcoin è acquistarli. I bitcoin sono disponibili in vari Exchange, ma si possono acquistare anche direttamente da altre persone tramite i marketplace.

Possono essere pagati con trasferimenti in contanti, carta di credito e debito o anche con altre criptovalute. Ma prima, è necessario detenere un portafoglio Bitcoin.

Esistono diverse opzioni, ma le principali possono essere ridotte alla detenzione di un portafoglio online e di uno sul disco rigido del computer.

Nessuna opzione è completamente sicura, poiché un disco rigido può essere danneggiato, mentre un portafoglio online potrebbe essere soggetto a un attacco di un hacker.

Ci sono anche portafogli mobili, che sono molto semplificati a causa dell’enorme capacità di archiviazione necessaria per trasportare l’intera Blockchain; dispositivi dedicati chiamati portafogli hardware e portafogli di carta con due codici QR che non vengono archiviati in modo digitale ovunque, rendendoli immuni agli attacchi informatici standard e ai guasti hardware.

E, naturalmente, c’è il mining. Solo pochi anni fa, chiunque avesse un computer abbastanza potente poteva estrarre Bitcoin, ma non è più così.

La popolarità sempre crescente del BTC e il suo tasso di cambio hanno portato le grandi aziende ad entrare nel gioco armate fino ai denti con dispositivi specifici per il mining, quindi perché la difficoltà e l’energia necessaria per estrarre quantità utili di Bitcoin sono salite alle stelle. Inoltre, la quantità di Bitcoin ancora da estrarre diminuisce costantemente e drasticamente.

Bitcoin: quali sono i pro?

La libertà

BTC è stato progettato pensando alla libertà. Ancora più importante, la libertà dalle autorità governative che controllano le transazioni, impongono commissioni e sono responsabili delle politiche monetarie.

Alta portabilità

Una delle caratteristiche distintive è la portabilità, il che significa che dovrebbe essere facile da trasportare e da usare.

Poiché Bitcoin è completamente digitale, qualsiasi somma di denaro può essere trasportata su un’unità flash o persino archiviata online.

Le criptovalute danno alle persone la libertà di inviare e ricevere denaro con una semplice scansione di un codice QR o un clic di un portafoglio online.

Non si applicano tasse e il denaro passa da persona a persona senza intermediari.

Scegli la tua commissione

Un altro indiscutibile vantaggio della rete Bitcoin è la possibilità di scegliere l’importo della commissione di transazione o di non pagarla affatto.

La commissione di transazione viene ricevuta dal miner, dopo che viene generato un nuovo blocco con un hash di successo.

Di solito, il mittente paga l’intera commissione, mentre la detrazione della commissione dal destinatario può essere considerata un pagamento incompleto.

Le commissioni di transazione sono completamente volontarie e fungono da incentivo per i miners per assicurarsi che la particolare transazione sia inclusa nel nuovo blocco generato.

Questo incentivo funziona anche come fonte di reddito per i minatori, tuttavia si deve considerare che l’attività di mining si fermerà completamente in futuro, quando verrà raggiunto il limite dei Bitcoin.

Pertanto, il mercato delle criptovalute chiede agli utenti di scegliere tra il costo e il tempo di attesa.

Una commissione di transazione più elevata significherebbe un’elaborazione più rapida, mentre gli utenti senza vincoli di tempo possono risparmiare denaro.

Sicurezza e controllo

Gli utenti di Bitcoin sono in grado di controllare le loro transazioni; nessuno può prelevare denaro dal tuo conto senza che tu lo sappia e accetti, come a volte accade con altri modi di pagamento, e nessuno può rubare le tue informazioni di pagamento dai commercianti.

Gli utenti di BTC possono anche proteggere i propri soldi con copie di backup e crittografia.

Inoltre, le loro identità e informazioni personali sono sempre protette, poiché nessuna di esse deve essere divulgata per effettuare un pagamento.

Trasparenza

Ogni singola transazione e ogni singolo bit di informazione sono sempre disponibili per tutti nella Blockchain, che possono essere controllati e utilizzati in tempo reale.

Il protocollo BTC è crittografato, quindi perché nessun essere umano o un’organizzazione può controllarlo o manipolarlo.

La rete è decentralizzata, quindi nessuno la controllerà mai completamente. Questo è il motivo per il quale il Bitcoin sarà sempre neutrale, trasparente e prevedibile.

Bitcoin: quali sono i contro?

Livello di riconoscimento

Il bitcoin è riconosciuto ed è perfettamente legale in molti paesi, tuttavia alcuni governi del mondo non hanno ancora alcuna regolamentazione in merito a BTC, mentre altri lo hanno bandito.

La maggior parte delle aziende, non importa quanto siano grandi o piccole, è ancora completamente ignara. È quasi impossibile abbandonare tutte le altre valute e iniziare a utilizzare esclusivamente BTC.

Chiavi perse

Una chiave è una password alfanumerica univoca necessaria per accedere a un portafoglio Bitcoin. Perdere quella chiave significa essenzialmente perdere il portafoglio.

Tuttavia, la maggior parte dei portafogli attuali ha meccanismi di backup e ripristino, ma ovviamente l’utente deve configurarli prima di poterli utilizzare.

Volatilità

Il prezzo dei Bitcoin ha avuto i suoi alti e bassi, Nel corso della sua storia, il BTC ha conquistato massimi, ma ha anche subito drastici ribassi.

Il suo valore è imprevedibile, cambia rapidamente e drasticamente, il che può causare perdite significative a un investitore imprudente.

Bitcoin è uno schema piramidale?

Un investitore miliardario Howard Marks ha recentemente affermato che le valute digitali non sono altro che uno schema piramidale.

Ha sottolineato che l’attuale successo delle valute digitali si basa solo sulla volontà di attribuire valore a qualcosa che in realtà non ha alcun valore.

Coloro che investono in un sistema piramidale ottengono i loro rendimenti dal proprio denaro o dal denaro degli investitori successivi, anziché dal profitto realizzato dagli individui che gestiscono l’asset.

Quando si tratta di Bitcoin, tuttavia, i guadagni e il suo valore provengono da un’offerta limitata di monete.

Man mano che più persone acquistano le monete, l’offerta diventa più rara, rendendo ogni criptovaluta sempre più preziosa.

Il Bitcoin non ha nulla in comune con uno schema piramidale standard.

Il Bitcoin è una bolla speculativa?

Robert Shiller, un economista vincitore del Premio Nobel, ha proposto una lista di controllo che aiuta a determinare se qualcosa è una bolla.

Tale elenco di controllo include forti aumenti del prezzo di un bene, grande entusiasmo del pubblico, frenesia dei media, storie di persone che si arricchiscono e aumentano l’interesse per il bene tra il grande pubblico. Bitcoin controlla tutte quelle caselle.

Quindi, in un certo senso, Bitcoin è una bolla speculativa. Dopo la famigerata chiusura di Mt.Gox, uno scambio cinese che gestiva oltre il 70% di tutte le transazioni Bitcoin in tutto il mondo, i prezzi del BTC sono in calo da circa un anno e mezzo.

Certo, è difficile prevedere cosa accadrà in futuro e c’è la possibilità che i prezzi di Bitcoin precipitino di nuovo.

Tuttavia, il Bitcoin si è ripreso prima ed è attualmente più forte di quanto non sia mai stato.

In vista dell’halving Bitcoin (21-22 maggio 2020) gli esperti prevedono un potenziale rialzista di oltre il 700%.

I trader più ottimisti prevedono un’esplosione della quotazione del Bitcoin che sfonderà i 50.000$.

Bitcoin ai minimi da 2 mesi

Criptovalute

Il prezzo di Bitcoin, principale criptovaluta, ha subito una decisa picchiata negli ultimi giorni, conducendo così il suo valore ben al di sotto della soglia dei 10.000 dollari, al suo livello più basso dell’estate, da più di due mesi a questa parte. Anche XRP, la criptovaluta di Ripple, così come

Primo hard fork per Grin

Criptovalute

Grin ha appena eseguito il suo primo aggiornamento non compatibile con le versioni precedenti, o hard fork. L’update, pianificato per oggi, ha introdotto dei cambiamenti chiave alla rete di quasi 60 milioni di dollari, in grado di ottimizzare il massimo decentramento e la migliore usabilità per i miners. Ricordiamo che

Facebook, la sua criptovaluta debutterà nel 2020

Criptovalute

Stando a quanto afferma un recente dossier curato dalla BBC, Facebook vorrebbe lanciare la sua criptovaluta – denominata “GlobalCoin“, almeno ai fini interni – nel 2020. L’agenzia di stampa ha dichiarato che il social network di Mark Zuckerberg starebbe progettando di lanciare il sistema di pagamenti criptovalutari in “una dozzina